News ed Eventi 2017

News ed eventi 2017Eiab - giardino_mini

Cari amici del Sangha italiano, continuiamo a segnalarvi le iniziative associative di Essere Pace e gli eventi o i ritiri in programma nei prossimi mesi augurandoci possano essere per voi un’occasione per approfondire la vostra pratica, una opportunità d’incontro con altri praticanti, o un momento di conoscenza degli insegnamenti del nostro Maestro e dei suoi insegnanti di Dharma. 

“Non bisogna perdersi nel passato né nel futuro.
Il solo momento in cui si è vivi
o in cui si può toccare la vita,
è il momento presente, qui e ora

 
[Thich Nhat Hanh]

All'Eremo dei Camaldoli25 giugno 1 luglio 2017 – Campo di Felicità 2017 
              Eremo di Camaldoli (Arezzo)
con i monaci della Comunità monastica di Thich Nhat Hanh provenienti dall’ EIAB, in Germania, e Adriana Rocco 
insegnante di Dharma.

…. anche quest’anno con il contributo economico dell’Associazione Essere Pace, stiamo preparando il Campo di Felicita‘, ritiro per  bambini (6-12 anni) e genitori insieme.
Eccoci giunti al nono anno consecutivo di un’esperienza che nasce dalla chiara aspirazione a  crescere insieme ai nostri bambini nutrendoci di natura, arte, gioco, consapevolezza, gioia, meraviglia, piccoli grandi miracoli. 
Ci riuniamo in un luogo  prezioso, il millenario Eremo di Camaldoli nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, a 1100m. s.l.m. in provincia di Arezzo. Saremo ospiti nella  foresteria,  gestita  da noi con cura  per nutrire il nostro corpo, il nostro cuore, la nostra mente. Vedi dettagli >>>   

8 – 15 luglio 2017 – Protetti e insieme liberi
Ritiro dedicato ai praticanti italiani all’Intersein Zentrum (Hohenau – Germania)

La Comunità spirituale, il “Sangha”, è una forma di vita in cui l’aspetto della sopravvivenza, individuale o collettiva, non è primario. Noi consideriamo, anzi, tutto ciò che c’è di comune e che è fonte di connessione tra gli esseri umani come qualcosa di irrinunciabile. Sentiamo i nostri valori spirituali e il collegamento tra tutti gli esseri viventi come il fondamento primario e stabile del nostro vivere insieme. Su questa base possiamo accettare le differenze individuali come un dono vicendevole, ciascuno per l’altro, e con ciò evitare di ritirarci nel grembo della dimensione collettiva.
     In questi giorni di vita e pratica insieme, in un’atmosfera di calore, amorevolezza e apprezzamento, vogliamo fare esperienza della protezione che viene da questa connessione come sensazione centrale e necessaria per  la vita. In essa si trovano uniti i nostri più profondi bisogni: sicurezza, fiducia, accettazione, comprensione, affetto e vicinanza. Potremmo anche definirli i nostri aneliti più profondi e più strettamente collegati alla nostra socialità, al nostro contatto sociale fatto di comunicazione ed affinità.
    L’esperienza di sentirsi protetti ed accolti ci dà la forza di volgerci verso la nostra “vulnerabilità” e guarirla, poiché questa protezione è la sensazione vitale che ci dà un’immensa forza, la forza che ci occorre per dare alla nostra vita stabilità, saggezza e compassione  Leggi tutto

Foto Adriana_129 luglio – 5 agosto 2017 - Appuntamento estivo a Villa Lina - Isola d’Ischia
Una settimana di rigenerazione  con Adriana Rocco

Giornate scandite dal ritmo del sole, tra mare e cielo.
Tempi di lavoro per aver cura della mente e del corpo,
tempi di riposo nelle tiepide acque termali delle piscine e del mare.
Piccoli pellegrinaggi a piedi
nel silenzio delle stelle verso il sorgere del sole sul Monte Epomeo,
alla luce dell’aurora verso le sorgenti calde nel mare della baia di Sorgeto
o attraversando il canyon di argilla verso le antiche terme romane di Cavascura.

Villa Lina è un’oasi di quiete dove la naturale bellezza del luogo parla di sacralità grazie alla visione e all’opera di Benedetto e di Nicola Iacono che ne sono artefici e custodi.  (www.villa-lina.com)
ADRIANA ROCCO (Sociologia, Trento 1973) da più di trent’anni dedica la sua vita a condividere l’esperienza del cammino di iniziazione alla salute e alla pace per la guarigione di sé e della relazione con gli altri attraverso “Il Corpo che Medita”, un programma itinerante che coniuga la scienza della meditazione codificata in India da Patanjali negli Yoga Sutra e il Buddhismo Zen Applicato alla vita quotidiana trasmesso da Thich Nhat Hanh, nel cui lignaggio è Insegnante di Dharma.

Arrivo: sabato 29 luglio – dopo pranzo
Partenza: 
sabato 5 agosto – dopo la prima colazione

Quota comprensiva di pensione completa:
- in camera a due letti con bagno: 760 euro
- in camera singola con bagno: 900 euro

Per prenotare: Adriana tel. 055 2312536  adrianarocco@alice.it

img532 – 9 settembre - CAMMINARSI  – Percorsi sull’isola di Pantelleria 
con Anita Constantini e con il sostegno dell’Associazione Essere Pace

Pantelleria è un’isola vulcanica nata dall’incontro tra fuoco e acqua. E’ una terra forte e generosa. Il suo cuore é un lago caldo, lo Specchio di Venere, e la sua pelle é la nera roccia vulcanica.  Immersi in questo paesaggio dal fascino primordiale, faremo del camminare un atto di esplorazione interiore. Camminando in consapevolezza, in silenzio e in ascolto, attingiamo alla fonte inesauribile di nutrimento che ci offre la natura, contattando l’intrinseca salute che è dentro di noi. Insieme condividiamo questa esperienza arricchendoci anche dell’energia scaturita dalla pratica del gruppo e facendo l’esperienza dell’essere distinti e al contempo “un solo corpo”. Vedi dettagli >>>

Piedi 30 settembre – 6 ottobre  2017 -  CAMMINARSI – la Via Francigena Toscana  
2° tappa da Buonvento ad Arcidosso 
con Anita Constantini e con il sostegno dell’Associazione Essere Pace

Il ritiro si svolge nel cuore della Toscana. Iniziamo il nostro percorso a Buonconvento sulle aspre crete senesi dove con alcuni ci siamo lasciati a maggio alla fine della prima tappa. Attraversiamo la Val d’Orcia sulla via Francigena. A piedi i paesaggi rivelano tutta la loro ipnotizzante bellezza. Seguendo le acque  di cui è ricco il Monte Amiata, la “montagna Madre”, saliamo sul più alto vulcano spento d’Italia, dimora di santi ed eremiti. Attraversiamo castagneti e faggete per poi ridiscendere e terminare il nostro percorso nel “piccolo Tibet”, come  storicamente veniva chiamato questo lembo di terra nei  pressi di Arcidosso, e dove ora si trova Merigar, centro di pratica del buddismo Tibetano. 
Nello spirito di un ritiro di meditazione la giornata é scandita dalla pratica di consapevolezza: meditazione all’alba, risveglio del corpo, condivisione della propria esperienza. Facciamo del camminare un atto di esplorazione interiore. Camminando in silenzio e in ascolto riceviamo l’inesauribile nutrimento che ci offre la natura e attingiamo alla fonte di salute che è già in noi. Insieme ci arricchiamo anche dell’energia che scaturisce dalla pratica del gruppo sentendoci distinti eppure parte di “un solo corpo”.  
Vedi dettagli >>>